Montepaone – il comune dispone la risoluzione del contratto per la differenziata con la “Schillacium SPA”

Il comune di Montepaone con apposita determina,dispone la risoluzione contrattuale per la raccolta della differenziata con la ditta”Schillacium SPA” per gravi e riscontrate inadempienze. E proprio per gravi inadempienze,Il settore urbanistica con l’assessore al ramo Roberto Sestito,visto la nota di contestazione per la mancata attivazione del servizio di raccolta e trasporto delle frazioni organiche tramite dislocazione sul territorio comunale dei contenitori appositi,si accertava che con apposita nota si ordinava alla “Schillacium” la fornitura in comodato di uso di appositi cassonetti per i conferimenti della differenziata,campane per il vetro,alluminio,carta,si evinceva anche che risultava non in regola il DURC(documento unico regolarità contributiva)tra la stessa e i suoi dipendenti,cosa questa che di fatto impedisce un rapporto lavorativo tra ditta e ente pubblico,ma si notava anche che come nota prodotta dal vigile urbano e ufficio tecnico,questo servizio non veniva espletato,se non effettuato raramente,a questo punto il comune di Montepaone settore urbanistica decideva di adottare tutti i provvedimenti necessari previsti dalla legge,nessuno escluso,a tutela delle azioni,ragioni ed interessi del comune,e visto che questa situazione risultava non più sopportabile,si decideva per la risoluzione del contratto. Quindi con effetto immediato,la risoluzione del contratto al reparto comunale n .8,relativo al servizio di raccolta,trasporto e smaltimento dei rifiuti differenziati del comune di Montepaone,per grave inadempienza nello svolgimento del servizio e per la mancata fornitura dei relativi contenitori per come disposto dalla nota 238.  La stessa disposizione veniva recapitata per conoscenza per notifica,seguendo la procedura degli atti giudiziari,all’amministratore della “Schillacium”SPA”,Costanzo Luciano presso la sede  legale di Soverato.

[box type=”bio”] Articolo e foto di Gianni Romano[/box]

Montepaone – il cittadino grazie a schede,valuterà l’operato degli impiegati

A Montepaone si approvava  il regolamento per il funzionamento e le competenze del Nucleo di valutazione(legge riforma Brunetta) e con Deliberazione del Consiglio Comunale sono stati approvati i criteri generali per il recepimento,ora con Delibera di G.C.  è stata approvata la nuova metodologia di misurazione e valutazione del personale dipendente nel rispetto,compreso il piano della Performance;a dirlo il sindaco Francesco Froio”,atteso che le Amministrazioni Pubbliche, nell’ambito della loro autonomia normativa ed organizzativa adottano metodi e strumenti idonei a misurare, valutare e premiare la performance individuale e organizzativa, secondo criteri strettamente connessi al soddisfacimento dell’interesse del destinatario dei servizi e degli interventi. La misurazione e la valutazione della performance,continua il sindaco Francesco Froio sono volte al miglioramento della qualità dei servizi offerti dalle amministrazioni pubbliche, nonché alla crescita delle competenze professionali attraverso la valorizzazione del merito,continua Froio, e l’erogazione dei premi per i risultati perseguiti dai singoli e dalle unità organizzative in un quadro di pari opportunità di diritti e di doveri, trasparenza di risultati e delle risorse impiegate per il loro perseguimento;allo scopo,continua il sindaco Froio,è nostra volontà di far approvare una scheda attraverso la quale si intende verificare il gradimento dei Cittadini Utenti rispetto ai servizi offerti dall’Ente, scheda che,altresì, prevede anche le indicazione di eventuali criticità riscontrate nell’attività degli Uffici comunali, atteso che gli stessi uffici nell’esercizio delle loro funzioni devono necessariamente attenersi ,continua il sindaco Froio,ai principi di eguaglianza e imparzialità,continuità, trasparenza, partecipazione, efficacia ed efficienza, rispetto dei tempi e delle procedure, non aggravamento del procedimento amministrativo, dare concrete risposte alle istanze dei cittadini utenti. L’apposita scheda,continua il sindaco Francesco Froio, da compilare anche in forma del tutto anonima, dovrà essere inserita, debitamente chiusa, in una urna disponibile presso l’Ufficio del competente Capo Area a cui il cittadino utente si rivolge,dare atto,altresì,che la rilevazione di che trattasi potrà avvenire anche in maniera del tutto anonima,e si informa,pertanto, ai sensi e per gli effetti dell’art. 13 del D.L.vo 30/06/2003 n. 196, che i dati contenuti nella scheda di che trattasi saranno utilizzati esclusivamente per le finalità,conclude il sindaco Francesco Froio, e nell’ambito del procedimento di cui alla premessa della presente deliberazione e saranno trattati dall’Amministrazione Comunale per le determinazioni di propria competenza ai sensi della normativa vigente.”

 [box type=”bio”] Articolo di Gianni Romano [/box]

1 72 73 74