Sere d’estate in Biblioteca … prime riflessioni

E’ andata!

Anche il secondo incontro, dedicato a Guendalina Marra, giovanissima editorialista del giornale on-line Noi Roma, come il primo, dedicato al Professore Massimo Iiritano e al suo Lo svanire della ragione, presentato in Italia in prima assoluta alla nostra Biblioteca, ci ripaga degli sforzi fin qui profusi.

E, poi:

–        Franco Voci, come si fa a non ricordarlo mentre interpreta, non semplicemente legge, in napoletano, Culore d’e pparole (Il colore delle parole) di Edoardo De Filippo!

–        e … Enrico Iemmello, Luciano Saia! stupendi nel farci dono del loro virtuosismo da musicisti per niente alle prime armi; ci hanno incantato trasportandoci nell’euforia del ritmo scandito, con armoniosa intesa, dalle corde delle loro  chitarre.

Ma, non abbiamo ancora finito; ci aspettano altri due coinvolgenti e interessantissimi incontri.

Una breve anticipazione:

–        il 13 agosto presentazione del libro di Marcella Mellea e Michele Petullà  Un Uomo, una storia  a cura di Giuseppe Cinquegrana, antropologo, che considera quest’opera un sacrario della memoria.

Il libro, in effetti, è un documento storico, sintesi di storie, affresco di cammini di uomini, a partire da Francesco Mellea, che evoca vissuti e ambienti, che racconta di Montepaone e dei suoi figli all’epoca della guerra; il libro, come afferma Marcella Mellea, rappresenta l’urlo silenzioso della memoria che non è solo la memoria intima e non più segreta del singolo ma che diviene memoria collettiva … per non dimenticare;

–         Il 19 agosto presentazione del libro La zona verde di Leopoldo Viscomi.

E’ un docureality, un thriller poliziesco tra finzione e realtà, la cui centralità è il lavoro svolto dalla Direzione Investigativa Antimafia per contrastare la criminalità organizzata nei territori di Calabria, Roma e New York.

La nostra gratitudine è immensa nei confronti dei nostri concittadini e non solo, che con la loro costante e attiva partecipazione testimoniano il senso della nostra iniziativa: Sere destate in Biblioteca.

Sandro, Massimiliano, Salvatore, Imma, Antonio hanno avuto arguzia a pensare ad un programma che fosse sintesi di momenti da vivere insieme interagendo, condividendo pensieri ed emozioni, comunicando messaggi positivi; questa, del resto, è da sempre la nostra strategia per essere una comunità vivace, attenta, solidale.

Non finisce qui …

A presto … … … e, comunque, vi aspettiamo.

(Giovanna Vecchio)

 

mostra del maestro Antonino Garufi

Montauro – Si è inaugurata martedì 29 luglio a Montauro, alle ore 18.00, presso Palazzo Madonna, la mostra d’arte del maestro Antonio Maria Garufi, dal titolo: Il Naturalismo. L’evento organizzato dall’Associazione Turistica Pro Loco di Montauro viene inserito nel calendario “Vivi Montauro” estate 2014, programma realizzato in collaborazione con il Comune di Montauro. Antonino Maria Garufi, personalità artistica dall’indubbio fascino, che annovera una carriera internazionale di tutto rispetto, viste le esposizione tenute in Europa e che hanno avuto la fortuna di approdare a NewYork, Ginevra, Parigi, Norimberga,  Roma, Montreaux. Il percorso pittorico di Garufi è composto da sessanta anni di arte,con unanimi consensi,nato a Messina ma cittadino del mondo come lui ama definirsi, il gusto appare chiaro e temporale, segno questo del ritrovamento del gusto del bello. L’arte del maestro Garufi viene accostata dalla critica al Caravaggio, un accostamento non gratuito per un artista che ha operato, grazie al suo naturalismo, una svolta che potrà apparire cronaca ma che è destinata a diventare una pietra miliare nella storia dell’arte. Le opere del maestro Garufi, pertanto, si possono giustamente collocare fra gli interpreti più esclusivi dell’escalation del neo-naturalismo del tardo novecento. L’esposizione delle opere del maestro Antonio Maria Garufi rimarrà aperta al pubblico  fino al 3 agosto con il seguente orario: 16.00 / 22.00. L’ingresso è libero.

[box type=”info”] Gianni Romano[/box]

Borgo in arte

Montepaone (Cz) – Pubblichiamo il calendario delle mostre d’arte 2014 giunte alla III edizione nel centro storico di Montepaone a cura dell’associazione Ri..Vivi..Amo Montepaone.

mostre d'arte 2014

[box type=”info”] la redazione[/box]

passeggiate notturne "tra arte, storia e natura sul cammino dei templari"

Montauro – Gasperina (Cz) – L’ associazione”Il Sotterraneo” di Gasperina organizza ogni sabato a partire dal 26 Luglio (fino a sabato 9 Agosto) una serie di itinerari storici (scarica la brochure), artistici e naturalistici nel Comune di Gasperina ed in quello di Montauro. L’iniziativa promossa dal professore Giuseppe Pisano, responsabile del settore storico dell’ Associazione, è volta a fare ammirare ai visitatori le bellezze paesaggistiche e artistiche di questi due borghi medievali che distano appena 2 km, senza trascurare neanche l’aspetto enogastronomico.La manifestazione prevede il raduno, a partire dalle ore 17,00, in piazza E. Fermi di Gasperina per una visita guidata alla chiesa Matrice di S. Nicola Vescovo. Si proseguirà, con l’ausilio di una navetta, verso il Santuario Maria SS dei Termini (dove si potrà ammirare anche un panorama mozzafiato) e l’antica strada in pietra Gasperina-Brisi-Grangia di Sant’Anna. Dopo una breve visita alla chiesetta di Sant’Anna di Gasperina (dove è presente un nodo templare inciso in un’acquasantiera) il bus accompagnerà i visitatori a Montauro. E’ prevista una passeggiata nel centro storico del paese con brevi soste presso alcuni portali di palazzi gentilizi, alla villa comunale e alla chiesa di San Pantaleone. Saranno fatti vedere in particolare alcuni portali di plurisecolari palazzi cui si raccontano storie particolari (anche misteriose) e dove, in alcuni casi, si possono scorgere i segni distintivi di nobili e valorose famiglie ai cui nomi è legata la storia di questo paese. Montauro per secoli fu strettamente legato alle vicende storiche della Certosa di Serra San Bruno e pertanto si ritiene che questi portali siano opera di scalpellini di scuola serrese del XVII e XVIII secolo. Si potrà notare l’abilità artistica degli scalpellini che operarono in questo borgo di antiche origini che ostentano una grandiosità senza pari e che testimoniano il senso di ricercatezza e pomposità tipico del periodo barocco.Alle 21 circa il pullman accompagnerà nuovamente i visitatori a Gasperina dove è prevista una cena (facoltativa) nel rione Patèda, di fronte alla sede dell’associazione “Il Sotterraneo”, a base di prodotti dell’enogastronomia locale. Ci sarà anche la possibilità di visitare, nello stesso rione con l’ausilio di una guida entro la mezzanotte, una mostra della civiltà contadina, una mostra fotografica su Gasperina e le chiese di Santa Caterina e di San Giuseppe che custodiscono opere di un certo rilievo. Inoltre viene data la possibilità di pernottare a Gasperina e Montauro a prezzi modici (prenotazione obbligatoria ).

[box type=”info”] Gianni Romano[/box]

internet over 55

Montepaone (Cz).  Interessante iniziativa quella promossa dall’associazione  Solidales per gli over 55. Ritrovarsi adulti in un mondo che in pochi anni è cambiato radicalmente con le nuove tecnologie non è facile. Per questo Fondazione Vodafone Italia ha dato vita  al progetto “Insieme a scuola di internet”, un percorso di formazione digitale destinato agli “over 55” grazie a un programma erogato da giovani studenti universitari. Il progetto accolto e realizzato anche dall’Associazione Solidales di Montepaone è frutto di un’intesa siglata lo scorso febbraio tra Fondazione Vodafone Italia, il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, il Ministero per la Cooperazione e lo Sviluppo Internazionale, l’Associazione Nazionale Comuni Italiani e Federanziani. Ilcorso – completamente gratuito – guidato da giovani universitari  opportunamente formati e retribuiti, svoltosi presso la sede dell’associazione montepaonese ha  previsto l’utilizzo di tablet ed ha permesso agli allievi di scoprire come la tecnologia possa semplificare e velocizzare le attività quotidiane e favorire le comunicazioni con amici, parenti e con la pubblica amministrazione. Il progetto si è rivelato un’ottima occasione di formazione e socializzazione per quanti  hanno frequentato il corso con interesse. Al termine a tutti gli allievi è stato consegnato un attestato di partecipazione.

[box type=”info”] Gianni Romano[/box]

Calendario raccolta differenziata Gasperina – Montepaone

CALENDARIO RIFIUTI

Clicca per ingrandire

 

Pubblichiamo il calendario illustrativo per la raccolta differenziata nei comuni di Gasperina e Montepaone;

Le date d’inizio saranno presto comunicate e non si inizierà prima di aver ricevuto presso il proprio domicilio il calendario unitamente al necessario per la raccolta;

Saremo lieti di contribuire nella diffusione di informazioni aggiornandovi non appena ci perverranno nuove comunicazioni da parte dei comuni e della società incaricata.

 [box type=”info”] la redazione [/box]

dalle parole ai fatti…. Pulito è più bello !!!!

Lodevole iniziativa quella che ha visto protagonisti un nutrito gruppo di cittadini di Montepaone lido. Organizzata dal gruppo “sei di montepaone lido se…..”  l’iniziativa volta a contribuire alla sensibilizzazione attraverso  azioni concrete sul tema dell’ambiente e del rispetto di esso.  I partecipanti a dire il vero in numero minore di quanto ci si potesse aspettare, hanno focalizzato la loro attenzione lungo il tratto di lungomare e relativa spiaggia sito in via marina ripulendo da rifiuti, cartacce, bottiglie di vetro e quanto di materiale ingombrante abbandonato da incivili. Tra chi  ha aderito all’iniziativa una nota di merito va senza ombra di dubbio ai più piccoli tutori dell’ambiente, bambini e bambine di ogni fascia d’età. Chiaro il messaggio che vuol portare all’attenzione di tutti i cittadini ed i turisti che il “bene” ambiente è patrimonio collettivo da difendere con tutte le azioni e con determinazione dall’inciviltà diffusa che porta a credere che ogni luogo possa diventare una discarica; perchè se può essere al limite concepibile che l’incuria determini un accumulo di foglie che naturalmente si deposita lungo le strade è inaccettabile che si possano rinvenire in fossi e prati materiali quali materassi, copertoni, lavatrici e quant’altro. E’ auspicabile che questa iniziativa venga condivisa dall’intera cittadinanza e che questo primo raduno sia volano di nuovi incontri a breve tempo per proseguire nel percorso di sensibilizzazione a cui si è dato il via.

giornata ecologica

[box type=”info”] la redazione[/box]

sceglie Montepaone per le vacanze la scrittrice Maria Giuseppina Tommesani

Montepaone (Cz). Sceglie il mare azzurro e cristallino di Montepaone per le sue vacanze, la scrittrice bolognese Maria Giuseppina Tommesani. In stampa a cura di Albatros edizioni il suo saggio”non siamo genitori perfetti,ma possiamo migliorare.” Un punto di vista privilegiato il suo, studi magistrali poi laurea in pedagogia ma dopo avere ottenuto l’abilitazione all’insegnamento entra invece in banca ,la vita aveva deciso così,ma il suo è un messaggio rassicurante ed ottimista Tommesani parla e narra di situazioni concrete spesso in modo ironico descrivendo le maggiori problematiche che si manifestano tra genitori e figli,il saggio è di facile lettura,snello,semplice e breve,ottanta pagine su cui riflettere,ma questi spunti danno certo da pensare su come ripartire dal dialogo costruttivo tra le generazioni senza che, tra di loro ci siano muri che dividano. Tanti i temi da cui ripartire,come il bambino incompreso,la maleducazione tollerata, le famiglie chiuse come ostriche,l’educazione delegata alla scuola,e un tema quanto mai importante come quello dei nuovi educatori,la televisione,il computer,la play station e il cellulare,ma davvero sono loro oggi a dettare legge con i nostri figli? Sembrerebbe proprio di sì,basti guardare al linguaggio di questi ragazzi  e al dominio assoluto che piattaforme digitali come facebook attraggano i giovani escludendoli dal dialogo attivo,fatto di un vis a vis virtuale fatto di messaggi brevi e anonimi,oggi si comunica purtroppo con tablet o smatphone,una volta per parlare con un amico bastava andare a trovarlo a casa sua.  Dove sono allora le agenzie educative?  Prima era la tavola da pranzo il primo soggetto educativo,si parlava intorno alla cena,con il telegiornale che la televisione mandava in onda,ora è difficile che la famiglia classica si ritrovi attorno al tavolo,esigenze diverse e orari diversi scombinano queste famiglie,e allora si delega tutto alla scuola,ai professori e ai loro concetti,ma non è sempre così. Ma ancora Tommesani pesca a fondo,è cambiata la Trinità? Sembra proprio di sì,oggi è composta da soldi,sesso e successo, del  resto la televisione ci propone immagini con ragazze e ragazzi bellissimi,magri e sorridenti,vestiti griffati e macchine lussuose,creando un senso di emulazione difficile da eguagliare se la famiglia di origine è monoreddito,questo crea solo squilibri e false aspettative. Ma Tommesani  è attenta  alle tematiche della famiglia  e non poteva non occuparsi del fenomeno legato al consumo di alcol e droga,l’età di questi consumatori è calata in modo preoccupante,giovani che dicono”ma che vuoi che sia una canna”? Ma su questa tematica c’è una corsa alla giustificazione anche da parte di politici che invece dovrebbero e presto trovare soluzioni a questo fenomeno che riduce i giovani in schiavitù e spacca le famiglie dal suo interno. Ma allora si chiede Tommesani è una visione inquietante? Nò! Certo come dice il titolo non siamo genitori perfetti ma possiamo migliorare,bisogna stare vicino ai propri figli,capirli e interpretare i loro bisogni,dire di nò con forza quando non è possibile e tollerare quando è per il loro bene e la loro crescita,perché in fondo se migliorano loro ,i nostri figli,allora miglioriamo anche noi.

[box type=”info”] Gianni Romano[/box]

VILLA RODDRU DI MONTEPAONE

Sulla collina “Cummara”(si pensa per la forma di una camera a volta o di un corbezzolo), la villa Rodru, o Roddru (la “rotonda”) fu detta “fortezza di Annibale” (Agenz. Giorn. Montecitorio, 17- IX -1965) e “Castello medievale”. Secondo l’archeologo Arslan trattasi invece di “Terme romane” (Klear-ckos, 1966) risalenti al I-II secolo.
La zona intorno è detta piana di “Sainaro” cui alcuni studiosi localizzano i “Castra Hannibalis”, cioè gli ultimi accampamenti del condottiero cartaginese in terra italica. Fonti attendibili individuano invece il luogo dell’ultima battaglia di Annibale alle Castella di Capo Rizzuto. Il nome comunque della località (Piano Sainaro o Sanguinario) e più ancora il ritrovamento di armi in ferro, ossa umane e pietre sepolcrali, danno per non infondata una tale congettura e per certo che “una grande battaglia, se non proprio quella di Annibale, vi ebbe luogo” (Caminiti D., Soverato nei secoli, Catanzaro, 1982, p.15).
Posta a circa un chilometro dal mare, villa Roddru è situata in posizione panoramica su un terreno appositamente terrazzato in alcune parti con muri di sostegno e perfettamente orientata. In merito lo studioso salesiano Giovanni Gnolfo fa tale descrizione: “la <<camera>> principale (m.10×5) da Est a Ow: essa è a volta, ad opus incertum; altri 5 vani, più piccoli, guardano 3 a Nord e 2 a Sud” (Gnolfo G., Paliporto, 1978, p.55).
Gli agenti atmosferici e l’incuria umana, oramai da troppi anni, la fanno da padrone. E si spera che si faccia qualcosa al più presto per valorizzare questo importante bene culturale.
[box type=”info”] Giuseppe Pisano[/box]
1 2 3 4 9