Fratelli d’Italia-AN, nominato nuovo coordinatore per i Territori di Montepaone e Montauro.

Giuseppe Grande, e’ stato nominato da Rosario Aversa, Coordinatore Provinciale Catanzaro Fratelli d’Italia-AN, quale coordinatore per i territori di Montepaone e Montauro.
Giuseppe Grande, avvocato e tributarista è impegnato attivamente nell’associazionismo e nel No Profit, è un giovane ventottenne, fortemente radicato sul territorio, estimatore e difensore delle piccole realtà locali, da considerare una risorsa in un progetto di crescita di politica, anche culturale e propositiva.
“La scelta di Fratelli d’Italia-AN – dichiara Giuseppe Grande – rappresenta la sola ancora di salvezza per la politica, poiché scevra da populismi, una realtà insomma che ancora crede in qualche ideale e che non si sottopone alle schiavitù ed ai servilismi dell’economia e della finanza. E’ giunto il momento di garantire un nuovo corso, fatto di certezze, di politica culturale, che guardi prima di tutto alle radici dei problemi che affliggono la società ed il territorio.” Grande soddisfazione perviene dal coordinamento provinciale Fratelli d’Italia-AN, che dichiara: “Siamo certi che il neo coordinatore Grande, saprà per le sue capacità e per la sua conoscenza dare una risposta alle esigenze dei cittadini, di quanti si riconoscono nel percorso del partito di Fratelli d’Italia-AN, con il contributo e la collaborazione di tutti gli amici che animano e rappresentano la struttura, la mente e la sensibilità del nostro partito.”

Treno travolge tre persone nel tratto Soverato Montepaone

Grave incidente sulla linea ferroviaria jonica all’altezza di Soverato. Un treno avrebbe travolto alcune persone. Un uomo, di cui non sono state diffuse le generalità, è deceduto sul colpo, per cause in corso di accertamento da parte dell’Autorità inquirente, dopo essere stato travolto dal treno in corsa. Dalle prime ricostruzioni dei Carabinieri della Compagnia di Soverato, intervenuti sul posto, sembrerebbe che l’uomo a causa del forte impatto, sia stato letteralmente sbattuto sulle travi in ferro adiacenti al binario, morendo sul colpo. Sul posto anche i Vigili del fuoco di Soverato e di Catanzaro, la Polizia Ferroviaria di Catanzaro Lido e i mezzi di soccorso.Proseguono le ricerche per comprendere se gli altri uomini che si trovavano sui binari al momento dell’impatto (altre due persone secondo le prime testimonianze) siano stati anch’essi stati travolti o se invece si sono dati alla fuga. Le forze dell’ordine stanno conducendo le ricerche con l’ausilio di fotocellule, in quanto il sinistro si è verificato in una zona poco illuminata.

La redazione

QUALE FUTURO PER LA PARROCCHIA DI MONTEPAONE CENTRO ?

Sembrava oramai placata da tempo la protesta all’interno della Parrocchia Maria SS. Immacolata nel centro storico di Montepaone, invece, con l’arrivo del nuovo anno e passate le festività, i parrocchiani hanno ripreso ciò che avevano solamente lasciato in sospeso, sperando che il tempo e soprattutto la sensibilità avrebbe portato ad una soluzione pacata e tranquilla. E si sono riuniti domenica scorsa per dar seguito ad una convinta manifestazione di protesta. “E’ dal mese di settembre infatti,queste le parole del comitato dei fedeli, che in parrocchia non si respira più quell’aria di serenità e comunione fraterna che con sacrificio si era riusciti a concretizzare nel quinquennio precedente. In un attimo è venuta meno l’identità stessa della parrocchia che rappresentava sino a quel momento il luogo in cui la comunità si sentiva unita.” Da allora,continua il comitato, che i parrocchiani non vivono come un tempo i sacramenti, le festività, lo stare insieme, l’organizzare quei momenti di comunione e socializzazione. “Si è in balìa di sacerdoti che svolgono la cura delle anime come un qualunque altro impiego,continua il comitato dei fedeli, scandito da orario di inizio e fine della prestazione lavorativa, come se quello fosse il più alto significato della loro missione, senza badare al contorno, allo stare insieme, a conoscersi vicendevolmente al fine di integrarsi tra la gente; prova ne è la ridottissima partecipazione domenicale, per non parlare di conseguenza, di quella infrasettimanale. Ultimi episodi della scorsa settimana, l’assenza “causa neve” e la mancata vicinanza spirituale ad una defunta, risoltasi poi all’ultimo momento con l’arrivo di un sacerdote del posto.”La comunità parrocchiale è fortemente delusa per essere stata in questi ultimi mesi lasciata sola dai propri rappresentanti ed in particolare da uno dei propri figli che si trova oggi in una posizione tale da potersi impegnare a dovere per il suo paese natio.”Per questi ed altri motivi che i parrocchiani sono intenzionati a dare letteralmente battaglia per ottenere una futura stabile situazione nella propria comunità conclude il comitato dei fedeli,, che possa riavviare quel percorso sospeso per gli anziani, i giovani ed i bambini di Montepaone Centro.”

                                                                                                                                                   Gianni Romano

OLIVADI – Nuovo prestigioso riconoscimento all’I.C “Corrado Alvaro”

QUALITY LABEL NAZIONALE e EUROPEAN QUALITY LABEL ETWINNING 2016

IL RICONOSCIMENTO DI QUALITA’ PER DOCENTI E ALUNNI DELLA SCUOLA PRIMARIA DI OLIVADI

Olivadi – La scuola primaria di Olivadi, appartenente all’Istituto Comprensivo “Corrado Alvaro” di Chiaravalle C.le con dirigente scolastico la Dott.ssa Rita Elia, riceve per il secondo anno consecutivo il certificato di qualità nazionale eTwinning. Emozione ancor più grande è stato ricevere, a distanza di un anno, anche il Quality Label Europeo, con il quale sono state insignite le docenti Elisabetta Barbieri, Rattà Giuseppina ed Elisa Fera per l’eccellente qualità del lavoro sul progetto eTwinning “PINOCCHIO: Story of a puppet and Children’s rights”.  Il lavoro svolto dalle docenti e quello degli studenti sia italiani che portoghesi è stato riconosciuto ai massimi livelli europei, anche la Scuola Basica di Vila Nova de Gaia (Portogallo)con la docente Carla Santos, partner progettuale, ha ricevuto le medesime certificazioni . I riconoscimenti vengono rilasciati rispettivamente dall’Unità nazionale e da quella europea (CSS) ai progetti svolti nell’anno scolastico 2015-2016 che hanno raggiunto i requisiti di “qualità” sulla base di sei criteri di valutazione eTwinning. La carriera scolastica delle docenti Barbieri, Rattà e Fera si arricchisce di questa nuova attestazione di merito unitamente ad altri 389 colleghi italiani, a riprova che il fare didattica con le nuove tecnologie dell’Informazione della Comunicazione  ed il favorire un’apertura alla dimensione comunitaria ,consente di sviluppare e fortificare un sentimento di appartenenza e  di cittadinanza europea condiviso anche tra i bambini.

[box type=”info”] la redazione[/box]

il caso del momento……..

Cari amici/lettori,

oggi mi sono svegliato con questo pensiero e lo voglio condividere con tutti voi. Premesso che forse sono stato l’unico a non pubblicare volontariamente sul mio portale Montepaoneweb notizie e servizi vari da “Calalunga”. Ho semplicemente rinunciato a milioni di clic sul mio sito in attesa che le indagini degli enti preposti facessero da contraltare a quanto documentato in video da le “Iene”, con una apparecchiatura non professionale ed in mano ad un giornalista quindi non un tecnico professionista. Oggi che da fonti vicine alle istituzioni arrivano le notizie confortanti che tutti attendavamo, perché è da pazzi pensare che qualcuno potesse augurarsi per la propria terra un risultato diverso, mi aspetto che vi sia da parte delle istituzioni una tale trasparenza da richiedere che la telecamera accesa delle Iene possa riprendere le verifiche sul posto al fine di smentire categoricamente ed in maniera inequivocabile le immagini andate in onda. Solo così ne usciamo!!!!

[box type=”info”] LA REDAZIONE[/box]

Tentato furto ai danni del pulmino dell'ASD Real Montepaone

Al saluto mattutino, la scoperta del tentato furto del nostro pulmino, appena acquistato da un dirigente, Amico, Fratello, una settimana fa, l’immediata reazione di rabbia è più che scontata! Ho pensato però all’impegno  civile e responsabile che stiamo dedicando alla realizzazione di questa magnifica realtà sportiva a Montepaone e mi sono dato una dritta perchè il negativo non ci deve assolutamente fermare.

Il pulmino è danneggiato!1
Questo gesto di violenza e inciviltà è l’altra faccia della nostra realtà; quella sporca, aberrante, riprovevole da cui prendiamo, a testa alta, le dovute distanze. Il nostro impegno gratuito, spontaneo, onesto per il benessere collettivo non può e non deve essere inficiato da azioni vandaliche2 di persone senza scrupoli e anima! Mi appello a voi cittadini, compaesani, amici di buona coscienza,  tifosi, sostenitori: stateci vicino! Il Real Montepaone è impegnato in un progetto di ampio respiro. Con lo sforzo, i sacrifici,  l’entusiasmo comune dobbiamo continuare a contrastare ogni forma di delinquenza ed operare in positivo per migliorarci. I problemi dell’oggi sono notevoli ma non vogliamo abbatterci. Con la squadra nel cuore, andiamo avanti; le forze dell’ordine indagheranno su quanto accaduto.

#FORZAMONTEPAONE

#RIPORTIAMOMONTEPAONEDOVECONTA

Stefano Pirrò

Presidente ASD Real Montepaone

 

 

 

 

nasce il Comitato per il 'no' alla riforma Costituzionale

MONTEPAONE – Nelle scorse settimane, esponenti politici e della società civile, si sono riuniti a Montepaone per costituire il “Comitato per il NO al Referendum costituzionale”. Il Coordinatore cittadino di Foza Italia, Antonio Giglio, che ha promosso l’iniziativa, assieme ai consiglieri comunali Candelieri e Gerace e diversi cittadini appartenenti ad estrazione politica di centrodestra, hanno dato vita ad un Comitato finalizzato  a contrastare la riforma costituzionale proposta dal Governo Renzi e ad affermare le ragioni del NO al referendum. Il comitato, aperto a chiunque voglia offrire il proprio contributo, si occuperà di sensibilizzare i cittadini attraverso pubbliche iniziative come  banchetti informativi e comunicazioni a mezzo stampa, promuovendo anche  una stretta collaborazione  con gli altri comitati costituiti nella provincia di Catanzaro. “Non si cambia la Costituzione con un colpo di mano di una maggioranza per giunta non legittimata dal popolo” afferma il Coordinatore  forzista Antonio Giglio. “Oltretutto il combinato disposto tra un abusato spauracchio dell’ultima spiaggia, quasi come se dopo Renzi ci fosse il nulla, e la legge di bilancio, rischia di ridurre tutto ad una mera improvvisata occasione di propaganda elettorale.”Con il referendum costituzionale del 4 dicembre gli italiani sono chiamati a respingere o approvare la riforma Boschi – Renzi. “Una riforma illegittima perché prodotta da un Parlamento eletto con una legge elettorale (Porcellum) dichiarata incostituzionale; una riforma che anziché superare il bicameralismo paritario, creerebbe conflitti di competenza tra Stato e Regioni e tra Camera e nuovo Senato; una riforma contestata, in forza del principio della sovranità popolare che verrebbe compromessa dall’ineleggibilità del nuovo Senato e dall’ampliamento della partecipazione diretta dei cittadini per i disegni di legge di iniziativa popolare che comporterà l’obbligo di raggiungimento di 150mila firme (attualmente ne servono 50mila).A tale riforma si assocerebbe poi l’Italicum con un accentramento del potere nella mani di un solo partito e di un solo leader, sostituendo il centralismo al pluralismo ed alla sussidiarietà.”Queste alcune delle ragioni dei forzisti montepaonesi che non accettano di vedersi sottratti ulteriori spazi di democrazia.

Alessandro Di Battista (M5Stelle) a Soverato

Farà tappa anche a Soverato il “Costituzione coast to coast tour”. E’ l’originale giro d’Italia in moto del deputato del “Movimento 5 Stelle” Alessandro Di Battista, impegnato in una interminabile serie di appuntamenti, su e giù per lo Stivale, per dire “no alla riforma costituzionale firmata da Renzi, Boschi e Verdini”. “La sovranità appartiene al popolo, non ai partiti politici” è uno degli slogan che animeranno il lungomare Europa di Soverato il prossimo 29 agosto alle ore 21. Di Battista parlerà dal palco del “Bounty” per ribadire alcuni concetti chiave: “Vogliono smantellare lo stato sociale che è, ancora, un freno alla dittatura dei mercati e al primato della finanza sull’umanità”. Dunque, “i mandanti delle riforme costituzionali sono le banche d’affari internazionali”. “La nostra Costituzione – ha avuto modo di spiegare Alessandro Di Battista nel corso del suo tour – è un ostacolo al trionfo del capitalismo finanziario. La Costituzione della Repubblica italiana rappresenta un ostacolo a chi vuole la privatizzazione totale della nostra società. C’è un mondo di speculatori finanziari, di banchieri senza scrupoli, di gestori di fondi economici che vuole mettere le mani su salute, istruzione, trasporti e acqua pubblica”. E per riuscirci “hanno bisogno del controllo totale del Governo e di un Parlamento di pigia-bottoni totalmente fuori dal controllo popolare”. “Per questo – afferma il parlamentare grillino – vogliono cambiare la Costituzione. Per avere una Camera per il 70 per cento nominata dai partiti e un Senato per il 100 per cento nominato dai partiti che pescheranno i nuovi senatori (non si sa ancora come) tra i consiglieri regionali. E secondo voi un nominato risponderà ai cittadini o al partito che gli regala la poltrona?”. Questo è il quadro che si aprirà “se dovessero passare le riforme made in Renzi-Boschi-Verdini ed è per questo che giro l’Italia per spiegare l’importanza di questo No. Un No meraviglioso, di difesa, di riscatto, di ostacolo a progetti pericolosissimi portati avanti dal centrosinistra più ipocrita della storia”.

                                                                                                                                                Gianni Romano

Brillante serata di teatro a Montepaone Lido con #FinchèPalcoNonCiSepari

Una numerosa platea entusiasta e applausi scroscianti a scena aperta per lo spettacolo teatrale, tenutosi lo scorso 11 Agosto a Montepaone Lido, dal titolo “Champagne & Bon Bon“. La compagnia teatrale #FinchèPalcoNonCiSepari, ha stupito i presenti riuscendo a trasmettere, attraverso toni diretti e simpatici controsensi, profondi messaggi, ponendo l’accento su tematiche sociali di alto spessore, non trascurando, tuttavia, la spensieratezza della commedia brillante. Una pièce teatrale, dalle sfumature farsesche, veloce, morbida, con battute a raffiche e numerosi cambi  di scena, insomma, uno spettacolo a 360° che tra recitazione, musica e colori è riuscito a coinvolgere il pubblico presente. La compagnia teatrale #FinchèPalcoNonCiSepari dunque, dopo la entusiasmante prima di Stalettì, fa nuovamente esplodere i botteghini con un numero di presenze al di la di ogni  ottimistica aspettativa. Il rappresentante della compagnia, Giuseppe Grande, ringrazia, a nome di tutti gli attori in scena, il pubblico presente, le associazioni che hanno prestato il loro contributo e l’amministrazione comunale per il sostegno e patrocinio, nonchè le numerose attività commerciali, che attraverso gli sponsor, hanno acceso la miccia di questo sogno, tutto Montepaonese, che nel giro di un anno è riuscito a creare una propria identità artistica nel comprensorio, esplodendo in meravigliose performance che non lesinano di apprezzamenti su più livelli. #FinchePalcoNonCiSepari, o meglio, Giuseppe Grande, Angela Sgrò, Chiara Iannelli, Antonio Grande, Antonio Cerra, Giovanni Grande e Liliana Fontanella, vi aspettano per le prossime date dello spettacolo “Champagne & Bon Bon“, che a breve verranno trasmesse su tutti i social.

il matrimonio americano a Montepaone

Scelgono di coronare il loro sogno d’amore a Montepaone centro storico,per celebrare il loro matrimonio in Italia. Una coppia di turisti americani,lui assicuratore, De Sando Mark Steven nato a San Josè in California e lei,la sposa, imprenditrice,Moore Sandra Gay di Los Angeles,galeotto fu un viaggio in Italia qualche anno fa, con una visita in Calabria,affascinati dall’entroterra calabrese si recarono a Montepaone centro storico,un antico e intatto borgo,una folgorazione,il posto tanto cercato era li a due passi,il sogno si materializzava e aveva i contorni di un borgo antico, da li la loro promessa,in America non esistono piccoli borghi ma solo grandi città,decisero di sposarsi in Italia al prossimo loro viaggio nella penisola,e precisamente a Montepaone.  Un lungo iter  burocratico per la preparazione dei documenti necessari,ma la solerte e valida ufficiale di anagrafe  Francesca  Cutruzzulà,iniziava una serie di  atti tra comune di Montepaone,Consolato e Ambasciata Americana,ottenuti tutti i necessari nulla-osta gli sposi vennero contattati,i documenti tanto attesi era finalmente pronti,cerimonia civile officiata dal sindaco Mario Migliarese e dall’ufficiale di governo,Francesca Cutruzzulà che è anche una abile interprete, nello storico palazzo Cesare Pirrò una antica dimora nobiliare in pietra con un grande arco in granito e una scala in pietra con artistici balconi in ferro battuto,una location perfetta e affascinante,lo sposo,in completo nero e cravatta con una rosa all’occhiello, ha atteso in piazza Immacolata Sandra,la sposa, che è arrivata con un canonico ritardo, lei in un abito da sposa classico bianco con ricami in pizzo,successivamente  il corteo festoso si è snodato tra gli sguardi curiosi dei residenti,per le antiche stradine  in pietra del centro,per poi arrivare alla destinazione,una cerimonia sobria con lacrime e scambi di anelli,alla fine bollicine italiane e un ricco buffet,presenti i testimoni degli sposi,due amici italiani,Domenico e Adriana.

                                                                                                                                            Gianni Romano

1 2 3 4 5 74