>Montepaone – Cade l’ultimo scapolo

>

Cade un mito,cede l’ultimo cinquantenne scapolo impenitente di Montepaone lido, dove non riuscì nessuna donna prima ora grazie alla bellezza di Anna e del piccolo Salvatore, Antonio Grande vigile urbano di Montepaone lido è convolato tra lo stupore di amici e conoscenti a giuste nozze.

Si scrive Antonio Grande, si legge “n’toniumericano”(tutto di un fiato) non è solo il vigile di Montepaone lido, ma è la storia della città jonica famosi sono i suoi aneddoti entrati ormai a pieno titolo nello sleng del comprensorio, la cerimonia si è tenuta alla cappella delle beatitudini a Sant’Andrea centro celebrante un grande parroco come don Edoardo Varano mentre la musica sacra era proposta da un duo arpa-flauto. Agli sposi gli auguri di tutti gli amici ed un consiglio, “Veleno”non cambiare troppo, resta così, n’toniumericano.


Articolo e foto di Gianni Romano



>Montepaone – Nasce il portale web “www.montepaoneweb.com

>

Avviato e creato a Montepaone dalla Infoconsulting di Nicola Agresta un portale di notizie, servizi utili e con una sezione commerciale che permetterà ai numerosi esercizi commerciali del comprensorio di mettersi in rete e mostrare al mondo tutte le loro attività,turistiche e commerciali. Così facendo, la nota cittadina turistica della costa jonica catanzarese entra nel web, con tutti i numeri in ordine. Il sito www.montepaoneweb.com, già attivo e con grafica accattivante, si pone come soluzione di incremento delle attività in modo particolare quella turistica. Tramite Internet, strumento indispensabile per conoscere il mondo, vedere una stanza di albergo al momento della prenotazione,e con foto o video tutto il paesaggio della località scelta per le vacanze.

La sede è situata in via del Pescatore n. 12, nel centro di Montepaone Lido, all’interno della struttura di formazione professionale che già offre servizi per imprese e privati. In tale complesso, si formano così, nel settore informatico, delle figure professionali con corsi che variano secondo le esigenze e le conoscenze già partendo dall’alfabetizzazione informatica e verso una specializzazione che può essere documentata dalla patente europea del computer (ECDL) e vari corsi di webmaster,autocad e altri a scelta dei partecipanti.

Montepaoneweb vuole evidenziare non solo localmente le attività commerciali e imprenditoriali che vorranno affiliarsi ad un programma di promozione pubblicitaria. Si concretizza così una pratica mirata alla esclusiva visibilità di queste facendone il centro e non il contornodella ricerca dell’informazione pubblicitaria ai fini commerciali e promozionali.

Il portale consente di:

  • fare in modo che tutte le attività commerciali possano usufruire di un valido servizio di promozione on-line a costi accessibili

  • Presentare alle attività commerciali un prodotto completo e chiavi in mano utile, potente e facile da usare, con funzionalità adatte alle proprie esigenze che non rappresenti un costo aggiuntivo ma un investimento a lungo termine di facile e sicura riuscita

  • Aiutare il mercato Montepaonese con le potenzialità di Internet facendo in modo che le attività commerciali raggiungano tramite i loro servizi on-line una più vasta e differenziata clientela offrendo servizi professionali all’avanguardia.


Articolo di Gianni Romano

>Montepaone – Stato di degrado del cavalcavia ferroviario.

>

Versa nel più completo degrado il soprapassaggio a Montepaone lido tra la piazza della stazione e via marina,sacchi di immondizia spesso fanno bella mostra di sé,bottiglie,cartoni mentre le scale di marmo ormai rassegnate anche loro hanno raggiunto un colore indefinito mentre i pochi lampioni funzionano a singhiozzo e le inferriate ricordano la verniciatura delle guerre “Puniche” con buona pace degli storici.

Eppure non dovrebbe essere così in quanto non è solo un utile soprapassaggio sui binari della ferrovia,evitando un giro di centinaia di metri ai residenti e ai numerosi turisti perché il soprapassaggio ora preda dell’incuria più totale è stata una vittoria dei residenti,venticinque anni fa la popolazione stanca di passare sopra i binari in modo certo pericoloso e ancora peggio di fare un giro al passaggio a livello distante centinaia di metri,si organizzò autonomamente e formando un numeroso corteo occupò la sede dei binari sdraiandosi sopra.

Subito fermato il primo convoglio in transito il macchinista visto lo stato di assoluta impossibilità al passaggio del treno chiamò la polizia ferroviaria e i carabinieri,presto sui marciapiedi di quello che era una volta la stazione Montepaone – Montauro scalo arrivarono in forze molti tutori dell’ordine, la scena che si creò viene da molti ricordata come epica,se da una parte i poliziotti tiravano su a forza i residenti coricati sui binari dall’altra parte altre centinaia di persone si coricavano impedendo qualsiasi passaggio al treno,con la manifestazione pacifica si chiedeva la istituzione di un cavalcavia che ovviasse al lungo giro a piedi per raggiungere la zona a mare.

Dopo una lunga giornata e solo dopo avere avuto rassicurazioni con funzionari delle ferrovie giunti in fretta e furia sulla possibilità di realizzare in tempi brevi la realizzazione di quanto chiesto dai residenti,si levò il blocco,non senza che più di uno venisse multato dalle forze dell’ordine per blocco ferroviario.

Anche in virtù di questo pezzo di storia di Montepaone lido si dovrebbe rendere fruibile e decoroso un soprapasso ferroviario che vede nella stagione estiva centinaia di turisti transitargli sopra.


Articolo e foto di Gianni Romano

>Montepaone – Segnali stradali bizzarri.

>

Dopo i casi segnalati agli incroci con scritte strane come “SOTP” e “STOPP” anche le strisce pedonali di Montepaone lido si adeguano allo standard europeo e finiscono anche loro giustamente e meritatamente sul giornale.

Qual’è l’importanza delle strisce pedonali?Fare attraversare in sicurezza i pedoni in prossimità di incroci pericolosi,vicino a scuole e uffici,banche e grosse centri commerciali oppure come quelle situate in via nazionale proprio all’entrata di Montepaone lido che iniziano correttemente dal marciapiede ma finiscono stranamente contro un muro mancando e di molto, l’entrata di un esercizio commerciale costringendo il pedone di turno ad effettuare movimenti tipo contorsionista.

Servizio a cura di Gianni Romano

>Montepaone – Grande musica Jazz – Guinga in concerto

>Si tinge di note colorate la nuova piazza San Francesco di Paola a Montepaone lido per il concerto del grande Carlos Althier de Souza in arte Guinga,una dei maggiori compositori e musicisti brasiliani conosciuto ed apprezzato in tutto il mondo.

Grazie all’impegno del presidente della provincia di Catanzaro Wanda Ferro,Guinga dopo il festival di Roccella Jazz,viene e incanta Montepaone in una piazza piena di appassionati di musica “colta” non di nicchia come si vorrebbe,ma fruibile a tutti tanta è la maestria del maestro Guinga alla chitarra di cui è un vero virtuoso e non potrebbe essere altrimenti da un brasiliano doc,che ha nelle vene la musica carioca con tendenze al jazz puro.

Un affresco di note per un pubblico partecipe ed entusiasta,presenti il presidente della provincia di Catanzaro Wanda Ferro,il sindaco di Montepaone Massimo Rattà e numerosi esponenti dell’amministrazione comunale,una cartolina dal Brasile,note suadenti suonate all’insegna del riuscito dialogo tra l’artista e il pubblico,Guinga riesce con estrema facilità a tessere un filo tra lui e il pubblico che abitualmente affolla i suoi riusciti concerti.

Via allora a brani storici come “Mar de Maracanà”,”Porto de Ardujo”,Casa de Villa”prodotta dalla etichetta discografica “Botafoco” diretta da Olivia Hime.

Un concerto diverso dalle solite manifestazioni estive a cui ci abituano spesso i nostri centri,ma proprio per questo inatteso “regalo” il concerto è stato sicuramente più sentito,la tappa a Montepaone lido di un artista di calibro mondiale come Guinga resterà scolpito nelle menti dei tantissimi partecipanti e in fondo al cuore dove Guinga riesce a fare arrivare sensazioni mai sopite.

Grande è stata la soddisfazione del sindaco di Montepaone Massimo Rattà espressa al presidente Wanda Ferro,inserire in un tour mondiale dopo tappe in tutta l’Europa,Palermo,Roccella jazz per passare poi a Montepaone riuscendo a scrivere così il nome della città jonica in un circuito mondiale è ,concludeva il sindaco molto significativo e importante dal punto di vista turistico.


Articolo di Gianni Romano

>Montepaone – Concerto Caparezza

>

Grande successo doveva essere,è grande successo è stato .I presupposti del resto c’erano tutti,un grande Rapper italiano come Caparezza e l’unica tappa calabrese con ingresso gratuito e le diecimila presenze di Montepaone lido lo hanno ampiamente dimostrato.

Una Montepaone lido già invasa dal primo pomeriggio da giovani abbronzati con zaini sulle spalle e complice il caldo sole di agosto affollati i bar e i locali pubblici in attesa del concerto di un grande beniamino dei giovani che per la qualità dei suoi testi e la sua musica più di chiunque altro li rappresenta e i concerti di Caparezza,quello di Melpignano di Lecce in occasione della” notte della Taranta” ha registrato centomila persone confermano il buon momento dell’artista.

Puntuale il suo ingresso sul mega palco,un grande mantello fucsia,con occhialoni illuminati mentre la folla diventata oceanica invocava forte il suo nome,e Caparezza non si è certo fatto pregare circondato da una band di veri professionisti via ai suoi successi accompagnati dalle voci e dalle mani dei diecimila di Montepaone lido.

“Giuda Me”,Torna Catalessi,”Eroe”,”Fuori Dal Tunnel”,solo alcuni dei brani che il rapper pugliese ha eseguito nelle due ore di spettacolo,perché di spettacolo si parla,cambio di mise ad ogni brano seguendo un filo logico,uno che non le manda certo a dire alla politica dei giorni nostri,ma il suo linguaggio parla da solo con temi chiari e concisi e visto il successo che ha riscosso a Montepaone lido non c’è che dargli ragione.

Musicista vero ispirato da quello che lui definisce maestro”Frank Zappa”non solo musica ma dialogo con un pubblico assolutamente in delirio per lui.

Di tutto questo un grande ringraziamento và certo ai ragazzi dell’associazione culturale “Macondo”che hanno inteso proporre un artista in sintonia con i loro pensieri,Giampiero Pirrò,Luca Melo e Leo Stratoti ,le diecimila presenze di Montepaone lido non li ringrazieranno mai abbastanza.

Montepaone lido ancora una volta si fa trovare pronta ai grandi eventi,locali pubblici attrezzati,stand con bevande e cucina per tutti i palati,una menzione particolare per tutta la macchina organizzativa,predisposta con una apposita ordinanza sindacale la chiusura del traffico già dalle prime ore del pomeriggio con il controllo da parte dei carabinieri della stazione di Soverato,il comando della polizia municipale di Montepaone e i volontari della Misericordia,Grazie” Macondo”.

Dal Nostro Amico Gianni Romano

>Montepaone – E’ già cambiata – Manifestazione Associazione “Macondo”

>

La giornata organizzata dall’associazione culturale”Macondo” era divisa in due parti,la prima in piazza San Francesco di Paola prevedeva un incontro-dibattito con Antonio Massari,giornalista e autore del libro”De Magistris Chì?”,Felice Lima giudice del tribunale di Catania,Giuseppe Baldessarro giornalista e la presenza dei responsabili di Macondo,Giampiero Pirrò,Luca Melo,Leo Stratoti.

Una piazza attenta e partecipe per temi caldi e di grandi attualità come le inchieste dell’ex P.M.De Magistris,per Massari giornalista e autore del fortunato libro sull’ex P.M.” fare il magistrato non dovrebbe essere una missione,ma un mestiere vero e proprio invece cavilli procedurali spesso impediscono lo svolgersi naturale della magistratura.”

Secondo il giudice Felice Lima un giudice che a Catania gira con la scorta in quanto è relatore di inchieste delicate”,il caso De Magistris deve essere uno spunto per capire che bisogna prendere a cuore la situazione del paese e decidere,queste le parole di Lima,indipendentemente da come andrà a finire di impegnarsi senza aspettare che qualcuno venga fuori a salvarci,stiamo facendo come Ponzio Pilato,anzi continua Lima le difficoltà dei giorni nostri nascono dal fatto che la legalità non è di moda per esempio quando la magistratura,conclude il giudice Felice Lima fece arrestare a conclusioni di indagini Ottaviano Del Turco anziché dirci bravi come magistrati,qualcuno disse,come Vi permettete!”

Per Giuseppe Baldessarro”,il problema è sulla credibilità della magistratura e la magistratura non deve essere solo onesta,conclude Baldessarro ma soprattutto apparire onesta,perché non basta l’alibi di avere una magistratura scadente per peggiorarla ulteriormente.”

Davanti ad una platea assorta in un religioso silenzio con una atmosfera palpabile tanto erano i temi di grandi attualità letti solo sui giornali o sui media nazionali,ma da più parti si chiedevano il buon fine di inchieste con cifre da capogiro,Poseidone ,Why Not per passare ai milioni di euro trovati alla frontiera a due imprenditori,dove andavano i soldi e perché.

Il dibattito decollava tanta era la carne le argomentazioni e la gente presente apprezzava la giornata organizzata dall’associazione culturale “Macondo”dimostrando che qualche volta a riempire le piazze oltre alle sagre delle, melanzane piene e alle penne all’arrabbiata,un po’ di sana cultura non guasta mai,a questo ci pensa “Macondo” e le sue iniziative.

Articolo a cura di Gianni Romano


>Montepaone – Cose di casa nostra

>

Estate tempo di vacanze, uffici chiusi tempi di riaperture delle scuole lontane relax a tempo pieno,ma sarà poi vero?

Sicuramente in estate si può notare come la spiaggia diventi una sorta di palcoscenico” en plein air”,si nota e si vede di tutto,basta sedersi sulla sabbia ed attendere piacevolmente,senza fretta ,allora arriva quasi a riva la corriera delle Calabro Lucane,piena come nel periodo scolastico e scarica giù frotte di bagnanti-residenti nei centri collinari del soveratese,armati dell’ombrellone di ordinanza con l’ asciugamano tre per due,e via verso la sospirata vacanza mordi e fuggi tenendo conto che alle ore dodici si riparte,l’autista della corriera come godesse arriva piano- piano di soppiatto e comincia a strombazzare sul clacson,per oggi basta sembra dire lo sgradevole suono”per oggi basta così,si rientra”.

E questa è una parte degli abituè del bagnasciuga,la gente abituata al mare la vedi subito,arriva con calma senza particolare fretta sapendo già cosa l’aspetta,ombrellone griffato,lettino griffato,pareo d’ordinanza,occhiali da sole obbligatori,e come se noò! Calmi e decisi con gesti misurati e passi aerei sospesi, la spiaggia aspetta loro,ma manca una parte fondamentale che riempie il famoso palcoscenico di cui sopra,gli emigranti.Spesso arrivano con macchine,super,cabrio,family, cars dai colori più diversi tipo il famoso film di Carlo Verdone con l’auto con i sedili ricoperti di lana pecora “originals very nights”,allora dicevano, i bagnanti occasionali, i bene informati, gli emigranti,sì! Ci siamo tutti signori si và ad incominciare.

Basta ascoltare concentrati i discorsi dei vicini di ombrellone e via a discorsi filosofici sulla malattia improbabile della suocera con i cognati che a targhe alterne si prendono cura della “cara” congiunta,per passare immancabilmente ad un trattato tipo enciclopedia”TRE CANI”sulla melanzane in tutte le sue cotture,grigliata,con aglio o pomodoro,ripiena e fritta in modo leggero e dorato e l’imperdibile parmigiana,ma gli emigrati dove sono?Sono qui accanto a noi,basta chiudere gli occhi e aprire le orecchie e la mente per ascoltare in un improbabile torinese una donna sulla sessantina che chiama il nipote”Luigi,vieni qui,né,che il mare è fondo e t’affuuuuchiiii!”

Oppure ancora sempre in perfetto milanese della parte bassa,quella dei navigli per interderci”,Domenico,stellàààà!sei sudato,fhà minga inschhììì- viene a prenderti il maccaturo!”

La giornata volge finalmente al termine il sipario sul palcoscenico stà per calareil direttore di scena dietro le quinte spegne le luci,ma non fate i visi imbronciati,domani si replica,domani la spiaggia ci riserverà ancora momenti di alto spessore culturale,ma forse vi state chiedendo dove sono i residenti”Tranquilli,sono sulla spiaggia a godersi il proscenio,AD MAIORA.

Articolo tragicomico di Gianni Romano

>Montepaone – Notizia dal comprensorio, Stalettì

>Tra i tanti vip che affollano il Bar Jolly di Stalettì, ormai famoso per le celebri granite, ieri sera è stata la volta della cantante lirica Katia Ricciarelli. L’artista, in compagnia di amici, ha voluto assaggiare tutti i tipi di granite prodotte da Peppe Ciccarello complimentandosi personalmente con le stesso per la squisitezza. Si è poi intrattenuta con curiosi e ammiratori firmando autografi e concedendo diversi click. Katia ha anche detto che appena sarà in zona tornerà sicuramente al bar Jolly per riassaggiare le tante bontà artigianali di quello che è diventato il contraltare, per la fascia jonica, delle gelaterie di Pizzo.

A Stalettì non solo bellezze paesaggistiche ma anche e soprattutto un motivo in più per fare pochi chilometri e immersi in una locations di favola come il centro di Stalettì antiche piazze,vicoli immersi nel tempo,con una piacevole frescura estiva e visto il caldo di questi ultimi giorni la cosa non dispiace affatto non dispiace affatto,e poi ora il motivo in più per salire al centro di Stalettì lo abbiamo come le fantastiche granite di Peppe Ciccarello del bar Jolly.

Articolo e foto Gianni Romano

>Montepaone Lido – Marco Morandi in Vacanza

>Come consuetudine Montepaone lido si conferma ritrovo estivo di VIP,incontrato in piazzetta al noto “Central Bar” Marco Morandi con la moglie Sabrina e i figli Jacopo e Leonardo.Come il famoso papà Gianni,Marco è da anni presente sul panorama artistico italiano con canzoni e spettacoli teatrali di successo dimostrando un elevato spessore da vero artista.Disponibile come sempre tra una coppa di gelato ed un cornetto caldo non si è sottratto alle foto di rito e alle domande dei numerosi fan presenti.

Articolo a cura di Gianni Romano

1 198 199 200 201 202