Montepaone – consiglio comunale

Consiglio comunale a Montepaone alla presenza del sindaco Mario Migliarese,importanti i punti all’ordine del giorno come quello riguardante il riconoscimento debiti fuori bilancio e la rinegoziazione dei prestiti concessi dalla cassa depositi e prestiti,relazionava l’assessore Isabella Venuto che rendicontava all’aula che necessarie sono le variazioni in quanto si evidenziava un buon andamento della gestione delle entrate,mentre continuava Venuto,le maggiori uscite riguardavano un generale adeguamento in alcuni capitoli di bilancio,finalizzato a garantire una più ampia copertura della previsione di spesa,inoltre si è provveduto ad accantonare maggiori somme al fondo crediti dubbia esiguità,tale operazione diceva Venuto,evidenzia un comportamento prudenziale. Ma il gruppo di opposizione per voce di Roberto Totino,esprimeva il loro dissenso votando in modo contrario. Si passava al riconoscimento dei debiti fuori bilancio,relazionava  il sindaco Migliarese e il vice sindaco Giuseppe Tuccio,un riconoscimento necessario alle pendenze relative a sentenze passate in giudicato come risarcimento danni e espropri,cercando, diceva Tuccio di limitare i danni,su questo punti gli interventi del sindaco Migliarese,dell’assessore Francesco Lucia e del gruppo di opposizione,Candelieri,Totino e Fulginiti, che si asteneva,mentre il punto riguardante la rinegoziazione dei prestiti per il sindaco Migliarese,che  rimarcava il fatto che l’operazione era valida e  consentiva delle economie,ma per Saverio Candelieri capo del gruppo di opposizione si corrono dei rischi e quali i reali benefici,si chiedeva non è solo uno spalmare debiti per anni?Interveniva il responsabile dei tributi Enzo La Rocca”si cerca invece di diminuire la pressione sugli enti,garantendo la possibilità di erogare comunque servizi evitando aggravi alla popolazione,interventi del consigliere Paolo Urzino,ma il gruppo di opposizione votava ancora una volta in modo contrario. Si passava quindi al punto riguardante l’approvazione schema di convenzione per l’ufficio comune operante come centrale unica di committenza con Montepaone capo fila e, i comuni di Gasperina,Montauro e San Floro, il punto passava all’unanimità,il punto successivo illustrato dall’assessore Francesco Lucia, riguardava l’acquisizione al patrimonio comunale aree e urbanizzazione primaria,questo nell’ottica di un complessivo riordino del patrimonio pubblico come la  lottizzazione ditta Jonica,il gruppo di opposizione chiedeva il rinvio del punto e si asteneva,il consiglio comunale si avviava alle battute finali con la proroga al termine di completamento lottizzazione “Madonna Maria” in Montepaone lido.

[box type=”info”] Gianni Romano[/box]

Montepaone – assolti l’ex sindaco Massimo Rattà,tecnici comunali e titolari del “Giardino dei Sensi.”

Assolto con formula piena l’ex sindaco avv. Massimo Ratta’ dall’accusa d’abuso d’ufficio in relazione ai noti fatti che avevano riguardato il famoso locale Giardino dei Sensi in Montepaone Lido.Assolti anche tutti gli altri coimputati per i quali era intervenuto il rinvio a giudizio che si uniscono a quelli gia’ prosciolti in sede di udienza preliminare. Assolta per intervenuta prescrizione anche la proprietaria del locale Concetta Giannini.Assolti perche’ il fatto non sussiste anche i responsabili dell’asl dott. De Fazio , Antonio Russo e Pragano’.”Accolgo la notizia con la stessa serenita’ d’animo,queste le parole dell’ex sindaco e consigliere provinciale Massimo Rattà, che ho avuto sin dall’inizio di questa strana vicenda.”Ho sempre avuto la certezza,continua Ratà, di questo epilogo ed ho sempre nutrito fiducia nell’operato dei giudicanti.”E’ una scontata conferma del mio operato sempre improntato,conclude l’ex sindaco Massimo Rattà, alla massima trasparenza e legalita’.”Tutto nasce da una denuncia per costruzione abusiva di un minuscolo manufatto in legno all’interno di un cortile di pertinenza privata,una serie di apposizione di sigilli,che il giorno dopo venivano rimossi per poi essere ricollocati l’indomani,una accanimento senza precedenti che aveva portato professionisti,politici e imprenditori sotto processo,addirittura  a portare i titolari ad abbandonare la Calabria per trasferirsi in Australia delusi da una terra dove il lavoro è merce rara,un abuso presunto fatto di pochi metri di legname,ora il tribunale di Catanzaro ha deciso,tutti assolti,ma i titolari ormai sono cittadini Australiani,delusi e mortificati da una giustizia lenta  che sbatte il mostro in prima pagina,se non poi a distanza di anni assolverli tutti.

[box type=”info”] Gianni Romano[/box]

Montepaone – opposizione e 4 novembre.

Il “gruppo Impegno e solidarietà”che in consiglio comunale riveste il ruolo di opposizione, in occasione della ricorrenza del 4 novembre,” facendosi portavoce delle istanze della comunità, propone all’amministrazione comunale tutta di prendere in esame la possibilità di integrare i due monumenti dei caduti che sorgono nella nostra comunità, peraltro a pochi metri l’uno dall’altro: la lapide tradizionale affissa sulla muratura della chiesa matrice e la scultura in bronzo realizzata più recentemente e situata accanto all’olmo della libertà. Un’anomalia che merita di essere attenzionata dall’amministrazione, nell’ambito di una riqualificazione del centro storico e di una maggiore tutela dei segni tangibili che rappresentano e custodiscono la memoria storica.” Auspichiamo, infine, che sia presa in considerazione anche la segnalazione emersa durante il convegno “Montepaone in guerra” da parte dell’associazione “L’occhio del pavone”, sull’opportunità di inserire i nomi dei caduti in guerra che mancano, emendando anche gli errori riscontrati nell’elenco dei caduti riportati sulla lapide, consapevoli dell’importanza dell’integrità della memoria storica nella costruzione di un’identità comunitaria.”

                                                                                                                                             [box type=”info”]        Gianni Romano[/box]

Montepaone – consiglio comunale 28 10 2015

Consiglio comunale alla presenza del sindaco Mario Migliarese,tre i punti all’ordine del giorno,molto partecipata la presenza di pubblico attento alle problematiche della città. Introduceva i lavori Migliarese con la lettura dei punti in trattazione,tra questi lo statuto comunale con la presentazione delle linee programmatiche,da segnalare l’intervento del gruppo di opposizione “Impegno e solidarietà” che hanno presentato una serie di emendamenti,tra i quali la istituzione del baratto amministrativo,l’istituzione dei responsabili del quartiere,la realizzazione di un fondo di solidarietà e nell’ottica di una oculata gestione delle risorse,la razionalizzazione del servizio tributi e delle tasse. I lavori consiliari sono seguiti nei classici binari della correttezza politica,con interventi da parte di assessori e di  consiglieri dei due schieramenti,si è parlato della problematica del mare sporco, un fenomeno che vede interessati molti comuni costieri,tra l’altro al depuratore comunale  di località Fiumarata sono collettati i comuni di Montepaone,Gasperina,Montauro,Stalettì e Petrizzi,stimati in 50 mila le presenze estive,con un sistema depurativo al limite del collasso,da segnalare l’ Intervento del l’Assessore Francesco Lucia il quale faceva rilevare che linee programmatiche di mandato dell’Amministrazione comunale presentate all’assemblea consigliare, rappresentano il programma elettorale del gruppo Montepaone Riparte, suffragato dal voto dei cittadini. Lo stesso evidenziava che gli emendamenti delle linee programmatiche fatte pervenire dal gruppo di opposizione, rapportate agli obbiettivi indicati dalla maggioranza e alle attività poste in essere dalla nuova Amministrazione, risultavano essere anacronistici dai contenuti prettamente elettorali. Il dibattito si è accesso quando l’assessore Lucia, a fronte di una affermazione di un consigliere del gruppo di opposizione,”che in tema ambientale,diceva Lucia, riferiva che questa estate il mare di Montepaone risultava sporco, faceva rilevare che questa estate tutto il mare del comprensorio e non solo il mare di Montepaone, in alcuni momenti della giornata appariva sporco, situazione questa che  alcuna stampa non ha mai evidenziato nelle altre località costiere, al contrario per come è avvenuto puntualmente per Montepaone. Pertanto invitava il gruppo di opposizione di evitare inopportune affermazioni, tutelando l’immagine del comune di Montepaone, dei suoi operatori turistici e balneari.”Il problema mare sporco non è certamente causato dal sistema fognario di Montepaone ma,concludeva l’assessore Francesco Lucia, è una problematica che si verifica da diversi anni e che investe un ampio tratto di costa ionica.”

[box type=”info”] Gianni Romano[/box]

interrogazione del Gruppo Consiliare Impegno e Solidarietà al sindaco di Montepaone

Con una interrogazione a risposta scritta,I consiglieri del gruppo  del gruppo di opposizione in consiglio comunale,“Impegno e Solidarietà-Montepaone”,chiedono al sindaco di Montepaone Mario Migliarese,l’utilizzazione dello stabile situato nella frazione Timponello e al momento non utilizzato,Visto  l’ art. 12  del “Regolamento sull’organizzazione e funzionamento del Consiglio comunale”  Considerato che  è ubicato nella frazione Timponello di Montepaone, uno stabile comunale (ex scuola) non più utilizzato,Atteso che non è riscontrabile ad oggi, ex L.241/90 ai fini della trasparenza della p.a., sull’albo pretorio comunale on-line , alcun provvedimento circa l’utilizzo dello stesso,INTERROGANO Il Sindaco e la Giunta per sapere quali idee e/o proposte  si intendono sviluppare in merito all’utilizzo dello stabile;fornire  delle delucidazioni e/o notizie sulle modalità di utilizzo dello stesso qualora fosse stato già destinato;indicare l’eventuale provvedimento di assegnazione e la tipologia di contratto di locazione con il relativo importo stimato.”

[box type=”info”] Gianni Romano[/box]

Montepaone – la minoranza chiede che venga istituito il CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI

I  Consiglieri Comunali del Gruppo “Impegno e Solidarietà-Montepaone” , sono strenuamente convinti che, la questione “giovani” non debba essere più oggetto di ulteriori ed ulteriori sperimentazioni, ma che questi giorno dopo giorno debbano invece essere oramai attori protagonisti della crescita della nostra comunità ed artefici di tutte le più importanti dinamiche sociali, garanzie di tanto zelo e pro positività. “PREMESSO CHE: – il Consiglio Comunale Giovani e il Consiglio Comunale Ragazzi (sigle C.C.G. e C.C.R.) sono organismi istituzionali consultivi, creati in alcune località italiane e straniere, modellati sul Consiglio comunale “adulti”, ma composti di soli ragazzi e adolescenti; – l’istituzione dei C.C.G. in Italia è un percorso che è stato aperto dalla legge 285 del 28 agosto 1997 (Disposizioni per la promozione di diritti e opportunità per l’infanzia e l’adolescenza), che riprende quanto già contenuto nella ratifica ed esecuzione della Convenzione sui diritti del fanciullo; in particolare, l’art. 3, comma 1, lettera d) e l’art. 7, comma 1, lettera c) della legge n. 285/1997, incentivano la realizzazione di azioni positive per la promozione dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza, per l’esercizio dei diritti civili fondamentali, anche mediante misure volte a promuovere la partecipazione dei bambini e degli adolescenti alla vita della comunità locale, anche amministrativa;- l’art. 6 dello Statuto di questo Comune contempla l’Istituzione del Consiglio Comunale dei Ragazzi  allo scopo di favorire la partecipazione dei ragazzi alla vita collettiva  con il compito di deliberare in via consultiva nelle seguenti materie: politica ambientale, sport, tempo libero, giochi, rapporti con 1’associazionismo, cultura e spettacolo, pubblica istruzione, assistenza ai giovani e agli anziani, rapporti con l’Unicef. Ai sensi del D.Lgs. 267/2000 e dell’art. 8 del Regolamento del Consiglio del Comune di Montepaone, con la presente richiedono l’inserimento del seguente argomento all’ordine del giorno del prossimo Consiglio Comunale: CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI, ISTITUZIONE E  APPROVAZIONE DEL REGOLAMENTO CHE NE DISCIPLINA IL FUNZIONAMENTO.Le modalità di elezione e il funzionamento del Consiglio Comunale dei Ragazzi saranno stabilite con apposito regolamento . Per quanto attiene il REGOLAMENTO si propone che l’elaborazione dello stesso, prima dell’esame e dell’approvazione, sia affidata agli organi scolastici dell’Istituto comprensivo statale “Mario Squillace” unitamente alle rappresentanze dei genitori, per favorire, attraverso un adeguato percorso didattici di formazione, la rappresentanza democratica, la partecipazione e l’impegno dei più giovani alla vita della propria comunità.”

[box type=”info”] Gianni Romano[/box]

Montepaone – consiglio comunale

Si è svolta un’importante seduta del Consiglio Comunale di Montepaone. In vista della ormai prossima approvazione del bilancio, il civico consesso ha approvato alcuni provvedimenti propedeutici in materia di tributi locali. In un clima disteso e costruttivo maggioranza e opposizione si sono confrontate in tema di TARI, TASI e IMU. Il primo punto all’ordine del giorno prevedeva l’approvazione del nuovo regolamento sulla tari. Nella sua relazione il Sindaco Mario Migliarese ha evidenziato che: “Questa imposta è stata istituita per coprire i costi del servizio dei gestione dei rifiuti. Le modifiche introdotte al regolamento rispetto all’anno 2014 sono marginali e si sono rese necessarie per recepire modifiche di legge”, non rinunciando però a correggere possibili distorsioni nell’applicazione del tributo. Le modifiche sono state giudicate positivamente anche dall’opposizione che ha unito i propri voti a quelli della maggioranza. La stessa unità di vedute non si è verificata sull’approvazione del piano finanziario per la determinazione dei costi del servizio e sulle tariffe. Il sindaco ha sottolineato che grazie all’introduzione della raccolta finanziaria il costo del servizio è diminuito da 870 mila euro a 749 mila, con benefici che ricadranno sui cittadini, in termini di abbassamento dell’imposta. L’opposizione ha sottolineato la non esaustività e intempestività del piano sottoposto all’attenzione del consiglio, sul quale non ha inteso esprimere voto favorevole. Per tutte le imposte quali Imu e Tasi, la nuova amministrazione ha proposto la conferma delle aliquote e delle scadenze già in vigore negli anni passati. Scelta motivata dal fatto che essendo già trascorsi sette mesi del nuovo esercizio finanziario non è stato tecnicamente possibile introdurre delle modifiche. Tuttavia la maggioranza ha annunciato che è allo studio la possibilità di consentire la domiciliazione bancaria dei pagamenti e, dai prossimi anni, anche un’articolazione dei pagamenti distribuiti su più rate. L’opposizione si è dichiarata d’accordo in linea di principio sulle modifiche annunciate ma ha chiesto che venissero adottate già da quest’anno. In particolare sull’aliquota Imu ha sottolineato che ci potrebbero essere i margini per un abbassamento già da quest’anno. Per questo motivo su tali punti ha scelto la linea dell’astensione. Il Sindaco ha infine sottolineato che a partire dal bilancio 2016 ci saranno novità anche sull’applicazione dell’addizionale IRPEF comunale, quest’anno confermata allo 0,75, per la quale verrà introdotto un sistema progressivo. Un consiglio comunale molto tecnico sul quale ha certamente pesato la circostanza che buona parte dell’anno 2015 è già trascorso, e dunque si è trattato di ratificare scelte già di fatto operanti.

[box type=”info”] Gianni Romano[/box]

Montepaone – in via sperimentale la sosta con il disco orario

Con apposita delibera di giunta si approva in via sperimentale la sosta con il disco orario sulla trafficata via nazionale,specialmente nel periodo estivo. A dirlo l’assessore Francesco Lucia,l’Istituzione di sosta regolamentata a disco orario su Via Nazionale lato destro (direzione Soverato) – tratto compreso tra T/sa S. Francesco e Via Beato Padre Pio. Questo vista  la direttiva impartita dall’Assessore alla Viabilità, finalizzata all’istituzione della sosta regolamentata con disco orario ,avute presenti le caratteristiche tecniche della strada di Via Nazionale in relazione al traffico che vi si svolge, in particolare nel periodo estivo a causa dell’ aumento del flusso turistico, delle attività commerciali nonché di servizi di pubblica utilità,ravvisata pertanto la necessità di riordinare la regolamentazione della sosta su via Nazionale al fine di garantire un più fluido e razionale utilizzo delle aree di sosta ed un miglior funzionamento della circolazione stradale e della sicurezza degli utenti,preso atto  che l’istituzione della sosta regolamentata garantisce anche la possibilità della sosta momentanea per effettuare operazioni di carico e scarico ai fruitori delle attività commerciali e ai residenti. “Ritenuto,dice l’assessore Francesco Lucia,opportuno, per quanto sopra e in via sperimentale, istituire quindi in zona, due stalli per consentire la sosta regolamentata con disco orario di 30 minuti dalle ore 08.00 alle ore 20.00,VISTO L’ ART. 107 DEL Dlgs. 267/2000;VISTO il combinato disposto degli artt. 5 c. 1. e 7 c 1° del Nuovo Codice della Strada approvato con D.to Leg. Vo dd. 30.04.1992 nr. 285 e successive modifiche e di integrazioni. “ Si ORDINA-In via sperimentale l’ istituzione della sosta regolamentata a disco orario per la durata di 30 minuti compresi i giorni festivi, dalle ore 8,00 alle 20,00, su Via Nazionale lato destro (direzione Soverato) – tratto compreso tra T/sa S. Francesco eVia Beato Padre Pio.-E’ fatto obbligo ai conducenti di segnalare in modo chiaramente visibile dall’interno del veicolo (parabrezza anteriore) l’orario di inizio della sosta.”

[box type=”info”] Gianni Romano[/box]

ripulita la fontana “Vrisi”

L’intervento sui tubi di canalizzazione comporterà una maggiore captazione di acqua. Dopo  la strada che dal centro abitato conduce alla fontana, è  stata effettuata la pulizia della grotta della sorgente “Vrisi”. La pulizia dei tre tubi di canalizzazione comporterà una maggiore captazione di acqua. «Per questo – dice il sindaco Gregorio Gallello – ringraziamo Franco Riillo, Gianni Carchidi e Giuseppe Carchidi». La sorgente “Vrisi” è un’antica sorgiva che alimenta l’omonima fontana. Simbolo della cultura contadina del posto,  è sempre stata uno dei luoghi preferiti da cui, specie in estate, attingere l’acqua.

[box type=”info”] Gianni Romano[/box]

al via il Progetto preliminare per il recupero del vecchio ponte “ E Ciucciu” sul torrente “Grizzo”

L’amore per il suo paese si misura sicuramente con la valorizzazione del patrimonio- storico-culturale,un serbatoio a cui attingere e valorizzare quanto di valido c’è al suo interno e in questo ambito il comune di Montepaone con l’assessore Francesco Lucia sta avviando le procedure per la presentazione delle domande di contributo al Gal delle serre alta locride.- Il GAL Serre Calabresi Alta Locride S .C. A. R .L. in attuazione del PSL “Terrae Nostrae” in coerenza con quanto contenuto nel piano di sviluppo rurale della Calabria 2007 – 2013, Asse IV – approccio Leader ha pubblicato il bando con le modalità e le procedure per la presentazione delle domande di aiuto, tra cui l’ intervento 3.1.2. “ Ecovillaggi. Recupero di complessi e unita di edilizia storica rappresentativa del sistema economico rurale per destinazione museale o socio – culturale,patrimonio pubblico” misura 323 – tutela e riqualificazione rurale;- l ’amministrazione comunale nell’ottica del recupero di opere infrastrutturali di pregio a valenza storico culturale ha intenzione di effettuare lavori di recupero/ ripristino al vecchio ponte denominato “e Ciucciu” sul torrente “Grizzo” le cui spalle e il piede sono soggette a erosione continua, provocando così problemi di staticità;- a tal proposito al fine della partecipazione al bando di cui sopra per l’assegnazione delle somme necessarie per il recupero e messa in sicurezza del vecchio ponte “ e Ciucciu “ è stato dato incarico al locale Ufficio Tecnico LL.PP. per redigere apposita progettazione preliminare;L’ufficio Tecnico ha semplicemente redatto la progettazione di cui all’importo complessivo di €15.000,00.

[box type=”info”] Gianni Romano[/box]

1 2 3 4 21